UN CLUB GIOVANE MA CON LE IDEE CHIARE

La Costa d’Orlando viene costituita nel 2012 e nasce sportivamente nella stagione 2013/2014, con la società del presidente Giuffrè che partecipa per la prima volta al campionato di Serie D. Sotto la guida dell’esperto coach Giuseppe Condello, i biancorossi chiudono al secondo posto nel loro girone dietro la quotata Spadafora e superano nello spareggio promozione l’Alfa Catania, vincendo per 89-57 a Capo d’Orlando e perdendo 69-68 a Catania, conquistando così la Serie C.

La stagione successiva, 2014/2015, causa un rimescolamento dei campionati, la Costa d’Orlando partecipa al campionato di Serie C Nazionale. Viene allestito un roster formato principalmente da giovani talenti locali con l’inserimento del play argentino Dominguez e della guardia campana Roberto Marinello. Dalla Calabria arriva anche Pietro Vazzana e capitano rimane ancora il romano, orlandino d’adozione, Federico Antinori. Alla vigilia, la compagine paladina non è tra le favorite vista la campagna acquisti di altre formazioni come Cefalù, Patti, Palermo e Vis Reggio Calabria. Dopo un campionato combattuto ed esaltante, la Costa d’Orlando conquista uno dei tre posti disponibili per i play-off promozione a discapito di Sport è Cultura Patti e Palermo. Proprio la vittoria in esterna su Patti per 73-78 con 21 di Vazzana, 19 di Dominguez e 17 di Marinello, regala agli orlandini la prima partecipazione ai play-off di C. Nella post-season la squadra di Peppe Condello non sfigura ma nulla può contro le attrezzate avversarie Valmontone, Scafati e Ortona.

Nella stagione 2015/2016, dopo l’ennesima riforma dei campionati di basket, la Costa d’Orlando si presenta ai nastri di partenza del campionato di Serie C Silver con importanti ambizioni, chiudendo al terzo posto assoluto vincendo ben 25 gare su 30 uscite ma non riuscendo a qualificarsi per i play-off per un soffio. La società comunque cresce ed il settore giovanile ed il mini basket diventano l’invidia dell’intero panorama cestistico siciliano.

Il campionato di C Silver 2016/2017 vede la Costa d’Orlando assoluta protagonista. La formazione di coach Condello, composta da tanti orlandini come capitan Sgrò, Fazio, Munastra, Gambardella, Strati, Ferrarotto e gli ormai adottati Marinello e Antinori, conquista 25 vittorie a fronte di una sola sconfitta, chiude al primo posto la fase regionale e si qualifica direttamente per la fase nazionale, dove viene inserita nel girone B. Il gruppo è tosto, con avversarie molto competitive come la Nuova Pallacanestro Nardò e la Pallacanestro Sarno e l’emergente Pallacanestro Silvi. I biancorossi si fanno valere, chiudendo al secondo posto nel raggruppamento alle spalle dei granata pugliesi e qualificandosi per gli spareggi di Montecatini Terme. In Toscana, le avversarie della truppa paladina sono la Polisportiva Battipagliese e la Janus Basket Fabriano. I campani vengono superati 62-59 con 17 di Bjegovic, i marchigiani si arrendono ai siciliani 63-59 con 16 della stessa ala croata e la Costa d’Orlando, dopo soli 4 anni di vita, è in Serie B. Capo d’Orlando diventa così Basket City.

La prima stagione di Serie B nel 2017/2018 regala grandi emozioni ai tifosi biancorossi. Inserita nel girone D, la Costa d’Orlando Basket stupisce gli addetti ai lavori, conquistando la salvezza con grande anticipo e lottando fino alla fine per uno posto nei play-off. La post-season sfugge per pochissimo, ma la formazione paladina dà del filo da torcere a realtà blasonate della pallacanestro tricolore, guadagnandosi rispetto e ammirazione su tutti i parquet del sud Italia. Il settore giovanile, intanto, continua nel suo sviluppo ampliando lo staff tecnico e cogliendo risultati importanti in tutte le categorie.

Nel suo secondo campionato in Serie B, la Costa d’Orlando è ancora una volta inserita nel girone D. Il raggruppamento è ricco di avversari blasonati e di valore. I paladino di coach Condello calcano parquet storici della pallacanestro italiana come quelli di Caserta e Napoli e riescono a togliersi la soddisfazione di battere in casa e in trasferta la Viola Reggio Calabria, altra gloriosa compagine del basket nostrano. L’obiettivo stagionale della salvezza viene centrato ancora una volta dai biancorossi, che nel frattempo vedono crescere l’impatto dei prodotti locali Ferrarotto e Triassi e che raccolgono risultati lusinghieri in ambito giovanile.

Nella stagione 2019/2020, l’Irritec Capo d’Orlando affronta il suo terzo torneo di B, venendo inserita nel girone A.